Cociv incontra gli espropriandi in Comune a Fraconalto

Ancora una volta dimostrando l’assoluta assenza di autonomia il Comune di Fraconalto segue le orme di quello di Voltaggio, e se possibile fa ancor peggio!

Se a Voltaggio con un comportamento non condivisibile un assessore ha accompagnato nelle case degli “occupandi d’urgenza” un rappresentante di Cociv, a Fraconalto la sede municipale viene messa a disposizione di Cociv con la giustificazione di agevolare i contatti tra Cittadini ed il consorzio, il Comune dovrebbe invece esperire ogni possibile iniziativa per tutelare il proprio territorio ed i suoi abitanti tentando in ogni modo di fermare un’opera figlia del malaffare.

Pensare che non molto tempo addietro i Comuni di Voltaggio Carrosio e Fraconalto con un documento inviato persino al Capo dello Stato chiedevano rassicurazioni su salute ed impatto sull’ambiente. Nessuna risposta giunge a fugare dubbi e timori, allora un documento ancor più chiaro afferma la contrarietà all’inizio dei lavori finchè non fossero giunte risposte.

Nessuna risposta è arrivata ai cittadini ma le trivelle sono al lavoro e se non bastasse si spiana la strada a Cociv mettendo il tappeto rosso a chi vorrebbe portar via le proprietà di coloro che vivono lungo le provinciali delle Val Lemme e della Castagnola per effettuare un inutile allargamento di cui nessuno ha bisogno!

Si parla poi di tutela dei Cittadini e del Territorio, ma forse possiamo pretendere qualche cosa di diverso se persino durante la seduta del Consiglio Comunale un consigliere afferma di auspicare un lavoro per se stesso da Cociv?

Print Friendly, PDF & Email