Bloccata una trivella a Trasta

LA TERRA TORNA ALLA TERRA

Martedì 4 dicembre arriva a Trasta una trivella della Geotec portata li per effettuare i carotaggi funzionali ai lavori di viabilità del primo lotto di costruzione del TAV-TERZO VALICO.

La trivella è arrivata di notte trasportata dai mezzi della ditta TASSISTRO GIAN BRUNO SAS (Via Cavanna 1 Mignanego (GE)  Tel +39 0107792241), scortata da polizia in antisommossa, carabinieri e Digos e più volte spostata e nascosta nelle vicinanze nel giorno seguente.

La sera del suo arrivo si sono inizialmente radunati sul posto una quindicina di NoTav che hanno provato, con i propri corpi, a contrastarne il passaggio, ma sono stati quasi subito spostati a spintoni dalla polizia.

Nelle ore successive, sono accorse altre decine di NoTav che hanno deciso di darsi un appuntamento in loco per oggi Giovedì 6 dicembre. Verso le ore 15.00 del pomeriggio si decide così di andare a cercare la trivella, che viene intravista aldilà di un cunicolo che passa sotto la linea ferroviaria esistente, in piena attività, con due operai al lavoro e la Digos a sorvegliarla a distanza.

I NoTav aggirano la polizia trovando un passaggio nella zona del bosco retrostante e raggiungono la trivella attraverso un sentiero: alcuni ci salgono sopra arrampicandosi in cima al braccio di trivellazione e imponendo di fatto il blocco dei lavori.

L’immediato passaparola fa sopraggiungere altri NoTav e il blocco si infoltisce.

Dopo una buona dose di ragioni contro l’alta velocità gli operai abbandonano la trivella e, vista l’impossibilità di lavorare, se ne vanno protetti dalla polizia.

Durante il blocco le carote di terra estratte in mattinata, ed essenziali alle indagine geotecniche, sono tornate a far parte della terra e del bosco cui appartengono da sempre.

Le prime macchine di devastazione ad alta velocità hanno ricevuto la giusta e legittima accoglienza da chi non vuole che la propria terra, e i suoi luoghi di vita, vengano (ulteriormente) inquinati e saccheggiati.

Il blocco della trivella si complementa così con le giornate di resistenza agli espropri di Fraconalto di ieri e  l’altro ieri.

Un blocco efficace, incisivo, un’azione semplice, diretta, spontanea, ma soprattutto di cuore.

Stasera sulla trivella bloccata a Trasta, sventola la bandiera NoTav.

 

Print Friendly, PDF & Email