Un voto contro la salute, un voto alle mafie dell’alta velocità

Nel Consiglio Comunale del 21/12 a Tortona, discussa e respinta la mozione contro il Terzo Valico presentata dalla consigliera Prc su proposta del Comitato No Tav di Tortona. Oltre alla moratoria dei lavori in attesa di una valutazione costi-benefici dell’opera (inutile e costosa, più di 6 miliardi di euro sottratti allo stato sociale e alla manutenzione e migliorìa delle linee ferroviarie esistenti e dei treni pendolari), si chiedeva il divieto di conferimento in cava (numerose ed enormi quelle presenti nel tortonese) di materiali dannosi per la salute (l’amianto contenuto con ogni probabilità nello smarino degli scavi dei lavori; le sostanze chimiche-additivi schiumogeni connessi alle tipologie di scavo, etc.) e si sottolineava qualcosa di più che un rischio rispetto all’infiltrazione delle ecomafie nei lavori per il terzo valico e dunque allo smaltimento di rifiuti tossici.

L’Amministrazione tortonese si schiera ancora una volta con le lobbies dell’alta velocità e contro la tutela della salute del territorio e di chi lo abita.

A fronte delle richieste pressanti della popolazione di fermarsi, di valutare bene la situazione, di non fare l’opera; a fronte della partecipata assemblea NO TAV del 20/12 a Tortona, in cui in molti hanno potuto sentire dalla voce di Antonello Brunetti (memoria storica della lotta al terzo valico), di Luca Cavallero (Voci della Memoria, lotta all’Eternit- Casale) e di Maurizio Piccione (Movimento No Tav Val Susa), i rischi che tutti quanti corriamo in termini di deposito di amianto e materiali nocivi, di viabilità in tilt e di infiltrazioni mafiose, il Comune di Tortona ha così deliberato:

– 3 voti favorevoli alla mozione(Prc, Idv e un consigliere Pd), con dichiarazioni molto preoccupate su rifiuti e amianto, cave, traffico, possibile inquinamento falde acquifere e devastazione del territorio,mafie

– 4 astenuti (DA SEMPRE PRO-TAV) per viltà : 2 consiglieri Udc e 2 Pd (dunque, Pd “spaccato”)

–  l’intera maggioranza che ha votato compattamente contro, incluso il sindaco Berutti, che ha disertato la discussione ed è arrivato in aula solo al momento del voto…impagabile, come sempre!

Lorsignori hanno votato per l’alta velocità E PER CHIUNQUE LA GESTIRA’, e CONTRO la tutela della salute pubblica. Lo hanno fatto nonostante tutto e tutti, nonostante la diffida a farlo (fatta mettere agli atti del Consiglio): li riterremo personalmente responsabili dei danni derivanti dall’eventuale realizzazione dell’opera, e ci riserviamo in quel caso qualsiasi tipo di azione, anche dal punto di vista legale.

Sono state citate le intercettazioni dell’operazione “Minotauro”( diversi arresti anche nell’alessandrino, non molto tempo fa ), in cui alcuni esponenti della ‘ndrangheta ( con clan molto attivi e ben radicati anche tra Genova e Tortona) dichiaravano “..abbiamo messo le mani sulla Torino Lione, metteremo le mani anche sul Terzo Valico..”

A fronte di tutto ciò, il capogruppo Pdl ed i suoi colleghi hanno esibito disinteresse ed incompetenza (il poveretto ha citato ancora l’arrivo della linea a Milano, mentre il progetto ormai – anche sulla carta- si ferma proprio a Tortona!), ed in molti hanno sbagliato anche più volte l’ubicazione delle cave (..neanche la geografia!)

Evidentemente, di fronte alle cambiali elettorali da pagare, non valeva neanche la pena di perder tempo a dare un’occhiata al progetto e al piano cave!

Sono stati diffidati dal votare quello che noi riteniamo un crimine e che porterebbe- se realizzato- gravissimi danni, danni di cui chiederemo loro conto.

Lo sanno tutti già fin da ora: la mobilitazione popolare sta crescendo di giorno in giorno (anche nel tortonese) e diciamo chiaro a tutti che ci opporremo con tutte le nostre forze, anche FISICAMENTE, pacifici ma determinati, alla realizzazione del Terzo Valico, perché questo territorio ha già dato, è già abbastanza inquinato ed avvelenato..non è COSA LORO, è COSA NOSTRA! “Nostra” di chi lo vive e lo abita, e noi abbiamo deciso: alla MAFIA diciamo BASTA!

COMITATO NO TAV TERZO VALICO TORTONA

Print Friendly, PDF & Email