“Di qui non si passa”

Cinque parole chiare, ferme, decise e nessun uso della forza.

Dieci invece gli avvisi di conclusioni indagini nei confronti di altrettanti attivisti NoTav: “interruzione di pubblico servizio” uno dei reati contestati.

Siamo in estate, nelle vallate interessate dai lavori della grande inutile opera del Terzo Valico si scende in strada, si sceglie di presidiare insieme terreni e abitazioni: la terra non si espropria, la dignità non si compra.

La gente è per strada, non fa paura il caldo, non fa paura il mettersi in gioco: siamo tutti lì perché è giusto, per difendere il posto dove siamo nati, cresciuti, dove abbiamo scelto di vivere, perché è arrivato il momento di esserci per fermare il Terzo Valico.

Ci siamo tutti, con sedie, ombrelloni e viveri di ogni genere, con chiacchiere, opinioni, idee.

Siamo a Trasta, a Pontedecimo, a Ceranesi, a Campomorone, a Borgo Fornari, a Serravalle e ad Arquata.

Siamo giovani, anziani, bambini, padri, madri: donne e uomini che hanno scelto di lottare perché il futuro dei propri figli non ha prezzo.

A distanza di cinque mesi, nelle nostre valli le persone parlano, scendono in piazza e nelle strade, si informano, discutono, ci si conosce un po’ di più, si creano reti di amicizia, sta nascendo un nuovo tessuto sociale dimenticato da tempo.

Il pubblico servizio…abbiamo appena iniziato a costruirlo.

E la lotta continua.

Il 30 gennaio saremo a Gavi per impedire nuovi espropri.

NoTav, per difendere la nostra terra.

Movimento No Tav – Terzo Valico

 

Print Friendly, PDF & Email