Che vergogna essere cotiani!

C’è da vergognarsi a essere piemontesi

di Antonello Brunetti

Lasciamo perdere il vuoto rappresentato dal  “governatore” Cota. Per saperne a sufficienza basterebbe leggere il servizio pubblicato sull’ultimo numero dell’Espresso.

Mi limito a poche considerazioni su fatti vissuti.

– Questo signore che fa parte di quella categoria di “dirigenti” puntualmente e abbondantemente pagati, con benefizi a gogò, ha avuto una ulteriore pensata: tagliare 120 milioni di euro dal trasporto pubblico, ossia il 30 % (dopo il 15% già tagliato in precedenza). In poche parole a giugno verrà eliminato un treno su tre in una Regione in cui i treni per i pendolari sono già stracolmi ora.

Costui deve essere andato fuori di testa!

A parte la forte ricaduta occupazionale, che senso ha portare avanti la TAV ed eliminare sempre più i mezzi di trasporto che riguardano il 95% delle persone che usufruiscono dei treni per recarsi al lavoro?

– E non è solo una dichiarazione di principio, purtroppo seguono i fatti. Ad esempio la Regione Piemonte darà 45 milioni (più di un terzo di quello che ci taglierà) alle ditte del Terzo Valico per creare un collegamento di 8 chilometri a quattro corsie fra casello di Tortona e l’immensa (1.700.000 m.3 di smarino) cava della Montemerla in zona Oasi. Il tutto camuffato, con la collaborazione del Comune, come ulteriore tangenziale al servizio del debole traffico tortonese. Ed ecco un altro spreco con anche conseguenze ambientali quali svincoli, tre gigantesche rotonde, ancora un altro ponte sulla Scrivia, un sottopasso ferroviario, consumo di territorio e tanto amianto.

Questo per l’”intensissimo traffico” della tratta ad Alta Velocità Genova-Milano (dovrebbero essere 4 milioni di container, in realtà non superano i 150.00o teus). Saturo forse perché (l’ho visto con i miei occhi ieri, ma capita spesso) un lungo treno di carri merci vuoti ha stazionato per oltre 24 ore su uno dei binari appena fuori dalla stazione di Tortona.

Un’altra esperienza personale è la sanità. Purtroppo in questi ultimi anni ho dovuto fare del “turismo ospedaliero” e sto constatando che si sta sgretolando tutto, a cominciare dai distretti dove prenotazioni, esami, pratiche burocratiche sono ridotti al lumicino, hanno tempi lunghi e gestioni pasticciate presentate come “riorganizzazione”. Un sistema sanitario tra i migliori del mondo che stiamo demolendo come già fatto nell’artigianato, nell’arte, nell’agricoltura, nella ricerca, nella piccola industria.

– Infine una vicenda emblematica che oltretutto mi riguarda in prima persona.

La mia terzogenita Micol ha fatto la scelta di aprire un negozio ad Alessandria per la categoria dei celiaci di cui fa parte. Unico negozio alessandrino fornito di tutto e quindi successone di clientela. Dopo 20 mesi ha dovuto chiudere per “eccesso di crediti”. Mi spiego. La Regione Piemonte deve rimborsare ai prestatori d’opera un buono, a parziale copertura delle spese sostenute da ciascun celiaco, normativa che esiste in tutta Europa. Nonostante solleciti alle Asl e alla Regione la risposta è stata: non abbiamo soldi e abbiamo altre priorità. Nel tempo si è accumulato un credito che verrà colmato chissà quando e quindi ha dovuto desistere. E questa sarebbe la politica di incentivi nei confronti dei giovani? E non parliamo delle banche!

Scusatemi questa divagazione personale, ma alla base delle nostre scelte di vita ci sono persone che ti arricchiscono di valori etici, buone letture, amicizie stimolanti, ma anche bastonate sui denti che ti indignano.

 

Print Friendly, PDF & Email