E la via dell’Amore passa per il Terzo Valico

Secondo un articolo del Secolo XIX  “la via dell’Amore passa per il Terzo Valico”

Se pensate alla parola benefattore chi vi viene in mente?  Albert Schweitzer? Paul Soros? Lucia Apicella? Managgia si vede che voi anti tav siete solo degli zotici privi di cultura!!! I benefattori moderni si chiamano Salini, Gavio e Lunardi! Beh? cosa sono quelle facce? non ci credete? Eh maledetta ignoranza, leggete qui.

Lo dice Il Secolo XIX mica il Corriere dei Piccoli!!!

“…….sono passati appena due anni dalla frana che a momenti uccideva una  turista australiana, travolta da un masso nel sentiero che ha fatto innamorare moltitudini di visitatori…….All’indomani del crollo…., al posto di una gara d’appalto per cui i fondi scarseggiavano dopo il buco lasciato dall’ex presidente del Parco delle Cinque Terre Franco Bonanini (travolto dall’inchiesta Mani Unte), fu indetta una cosiddetta «erogazione liberale». Di cosa si tratta?

Detta in maniera un po’ prosaica, è una sorta di colletta. È il 14 marzo del 2013 quando il comune di Riomaggiore e la Regione Liguria pubblicano un avviso pubblico rivolto a imprese private e a comuni cittadini che per qualche ragione  abbiano amato quella camminata a picco sul mare. In altre parole, l’appello è rivolto a chi vuole lavorare gratis o chi desidera donare un po’ di denaro. In cambio le istituzioni daranno ai donatori, di opera o di pecunia, visibilità e un ringraziamento pubblico per aver contribuito a rimettere in sesto una meraviglia apprezzata da turisti di tutto il mondo.

Chi partecipa al bando? I primi privati ad aderire sono due colossi, Impregilo e Rocksoil, di cui viene annunciato l’impegno con un comunicato stampa dell’amministrazione. Cos’hanno in Comune queste due realtà? In Liguria soprattutto una grande opera, il Terzo Valico. Impregilo è uno dei grandi gruppi industriali che sta realizzando il traforo. Rocksoil è la società di famiglia di Pietro Lunardi, ex ministro delle Infrastrutture di uno dei governi Berlusconi. È un’azienda leader nella realizzazione di gallerie e dal Cociv, consorzio che si occupa dell’opera, ha ottenuto l’appalto per realizzare i primi quattro tunnel (anche se Cociv, a domanda specifica, preferisce non comunicare l’entità del lavoro).

L’equipe messa in piedi per la progettazione è formata da Fiorenza Pennino (Rocksoil), i geologi Alvise Amadi (Rocksoil), Carlo Malgarotto (Ordine Geologi Liguri), Emanuele Raso (Università ), Francesco Costi (Geologia Verticale) e Alessandro Maifredi (Geologia Verticale). Ma i lavori sono più complicati di quello che si pensava all’inizio: la perizia della Procura della Spezia stabilisce che non basta aggiustare il tratto franato, c’è da mettere in sicurezza tutta la passeggiata. Il conto è astronomico e non è più chiaro se il meccanismo delle erogazioni liberali basti ancora. ……
….E qualche mese fa è stato annunciato l’ingresso di un altro soggetto che di questioni ferroviarie se ne intende: sarà Rfi (ramo di Fs cui fanno capo le infrastrutture) a mettere i primi 2 milioni e 600 mila euro che serviranno ad aprire appena 300 metri della Via dell’Amore.”

Impregilo e Lunardi, quel ministro che “con la mafia bisogna convivere” ora sono diventati benefattori della Regione Liguria? E RFI che si occupa in maniera del tutto disinteressata alla riapertura della Via dell’amore? Ecco finalmente la ragione di costruzione del Terzo Valico che dovrebbe collegare Genova a Rotterdam: serve per andare dalla Germania alle Cinque Terre!!! Così Voi fancazzisti no tav la smetterete di dire che è un’opera inutile!

Ma si certo!!! Come non crederlo? Oggi ho anche visto un asino volare!!!!

Ivan Caustof

 

Print Friendly, PDF & Email