Conferenza stampa del movimento: sabato blocco dei cantieri in Valverde

I comitati Liguri e Piemontesi  hanno esposto la situazione di criticità diffusa  presente sui territori in seguito ai recenti fatti alluvionali e focalizzato l’attenzione su come i canteri del Terzo Valico abbiano contribuito a creare loro stessi situazione di criticità e pericolo.

Presso atto di cio’, il concetto  si è alzato forte e chiaro dalla conferenza stampa del Movimento No Tav Terzo Valico:

DIROTTARE I FINANZIAMENTI DEL TERZO VALICO ALLA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO.

Si è ricordata in seguito,  la campagna portata avanti in questi giorni dai sindacati degli edili per le assunzioni di 46 persone entro la fine dell’anno nei cantieri del Terzo Valico.

Proprio la Cgil, con uno studio del 2012, denuncio’ come la messa in sicurezza del territorio in Liguria porterebbe  oltre 1000 posti di lavoro per 10/15 anni. (ci sarebbe anche da chiedersi cosa intendano per messa in sicurezza del territorio, ma questo sarebbe un passo successivo…).

Tuttavia oggi, dopo le ennesime alluvioni,  i sindacati invece di rilanciare a gran voce la priorità della cura del territorio,  con i risvolti positivi che una politica di questo tipo potrebbe portare, sembra si siano dimenticati di questo studio,  concentrando la loro attenzione per elemosinare una manciata di posti di lavoro insicuri e pericolosi verso un’opera inutile, devastante e dai risvolti torbidi come  il Terzo Valico.

Uno spettacolo davvero triste quello offerto dai sindacati degli Edili, che stanno utilizzando, senza alcuna remora, la propria posizione per  perorare  interessi di Partito spacciandoli per l’interesse dei lavoratori.

Il Movimento No Tav Terzo Valico esprime la volontà di portare avanti con determinazione la propria battaglia, come ha sempre fatto, per le strade e tra la gente, iniziando dalla Valverde, uno dei luoghi piu’ colpiti dagli ultimi eventi alluvionali:

SABATO 13 DICEMBRE DALLE ORE 7

FERMIAMO I CANTIERI in Valverde.

(Ritrovo Loc. campora tra Isoverde e Campomorone).

 

Print Friendly, PDF & Email