Il commissario per il Terzo Valico Lupi condannato dalla Corte dei Conti

Il mitico Walter Lupi, commissario straordianrio per il Terzo Valico, già colpito di striscio dall’inchiesta su Expo, “l’impiegato di Gigi“, è stato condannato dalla Corte dei Conti della Liguria al pagamento di 133 mila Euro per la famosa vicenda del villino di proprietà del Demanio a Recco. Struttura che avrebbe dovuto diventare sede della Forestale e in cui il commissario ha pensato bene di ricavare un’abitazione privata vista mare per le vacanze estive. Non vi è pace per il Terzo Valico e gli uomini che lo sostengono, ormai con cadenza settimanale esce fuori l’ennesima notizia che ben dimostra chi siano le persone che vogliono realizzare sulla testa dei cittadini un’opera totalmente inutile, devastante per l’ambiente e pericolosa per la salute. Una ragione in più per essere in tanti alla marcia popolare del 18 aprile che si terrà ad Arquata Scrivia.

Pubblichiamo l’articolo di ligurianotizie.it

La Corte dei Conti condanna Walter Lupi per danno erariale

GENOVA. 30 MAR. La Corte dei Conti della Liguria ha condannato al risarcimento per danno erariale, per oltre 133 mila euro, l’ex direttore del Siit, Servizi integrati per infrastrutture e trasporti, per Liguria e Lombardia, e attuale commissario per il Terzo Valico, Walter Lupi e ad oltre 15 mila euro l’ex comandante provinciale della Forestale Antonio Mommo.

Le contestazioni nei riguardi di Lupi sarebbero per i lavori di ristrutturazione di una villetta di proprietà del demanio in località Mulinetti, a Recco.

L’immobile era dapprima in uso alla Capitaneria, poi era stato ristrutturato per ospitare la Forestale.

Invece al termine dei lavori il piano terra era stato messo in uso alla Forestale, mentre al primo piano andò ad abitare lo stesso Lupi. Nel mirino della procura contabile ci sarebbero le spese per il cambio d’uso dell’immobile da caserma ad alloggio.