Dieci anni dopo ostinati a resistere

Una bellissima manifestazione si è svolta ieri in Valsusa nel decennale della liberazione di Venaus. Il Movimento No Tav dimostra ancora una volta tutta la sua forza. Alla marcia hanno partecipato anche un’ottantina di militanti del Movimento No Tav – Terzo Valico. Quando la Valsusa chiama, dalle valli interessate dal Terzo Valico si risponde sempre alla grande!

Qui è possibile leggere la cronaca della giornata da notav.info

Pubblichiamo inoltre un articolo dal sito del comitato Spinta dal Bass.

8/12/2005 – 8/12/2015 Noi siamo sempre qua

Sono passati 10 anni da quell’8 dicembre 2005 dall’immacolata ribellione di Venaus. 10 anni in cui i fautori dell’opera le hanno provate tutte per indebolire il movimento: tavoli pseudotecnici e commissari di governo, mercimoni politici e compensazioni, spregiudicato uso dei tribunali e militarizzazione del territorio, sistematiche falsità mediatiche e tentativi di screditare il movimento No Tav. Tutto questo non ha scalfito la determinazione e le ragioni di una popolazione in lotta. Ieri come oggi in piazza ci sono i volti di un’intera Valle, i suoi amministratori, i tanti cittadini e i movimenti da tutta Italia che sentono la lotta della Valsusa come propria.  I 20.000 in marcia da Susa a Venaus hanno reso evidente a tutti che “la Valle non è pacificata” e non si arrende di fronte alla devastazione e allo spreco di denaro pubblico. La Valle proprio come 10 anni fa resta un ostacolo invalicabile per quanti intendono imporre con la violenza un’opera inutile e devastante. Sulla loro strada lor signori troveranno sempre una comunità intera sempre più consapevole delle ragioni della propria lotta, aperta ed inclusiva e per questo ancora più determinata a resistere.

Lo abbiamo giurato: abbiamo resistito dieci anni dopo quell’otto di dicembre, ne resisteremo altri dieci, e anche di più se sarà necessario. Fino a quando non verrà cancellata quest’opera sciagurata.

Qui le foto di Luca Perino.