La Valle Bormida respinge ancora i signori della discarica

I comitati e le associazioni della Valle Bormida avevano promesso che non avrebbero permesso neppure questa mattina ai tecnici della Riccoboni di effettuare le prime rilevazioni per la tangenziale propedeutica alla costruzione della discarica. Una discarica che é bene ricordare vorrebbero fare sopra un’importantissima falda acquifera con il sostegno della Presidentessa della Provincia Rita Rossa e del suo tanto detestato Partito Democratico.

La promessa é stata mantenuta e oltre duecento cittadini si sono ritrovati dalle 7 e 30 del mattino per impedire ai tecnici di entrare all’interno dei terreni. Nonostante la Riccoboni avesse scritto agli agricoltori che sarebbe intervenuta con l’ausilio della forza pubblica la gente per bene della valle che lotta per difendere la propria acqua e la propria salute non si è fatta intimorire e davanti alla loro determinazione a Sezzadio non si sono fatti vedere né la Riccoboni, né le forze dell’ordine. Una nuova importante giornata di una lotta che si prevede ancora lunga. Il prossimo passo sarà l’assemblea di domani sera che si terrà alle ore 21 nel salone della Pro Loco di Sezzadio.

L’intervista a Piergiorgio Camerin di Sezzadio Ambiente realizzata da Radio Onda d’Urto

 

Galleria fotografica